Sabi Sands

  • Cos’è il Sabi Sands e dove si trova?
  • Perché è famoso il Sabi Sands?
  • Quali animali si vedono nel Sabi Sands, e che tipo di safari si fanno?
  • Qual è la migliore riserva privata del Sabi Sands?
  • E’ meglio il Kruger o la zona del Sabi Sands?

Rispondono Simone e Stefania di La Mia Africa

Cos’è il Sabi Sand e dove si trova?

Il Sabi Sand è una delle zone più rinomate per fare i safari in Sud Africa.
Composto da circa venti riserve private ciascuna con il proprio lodge, il territorio del Sabi Sand è attaccato, assieme alla riserva privata del Mala Mala, alla parte meridionale del parco Kruger.
Un confine aperto permette agli animali di circolare liberamente tra il Kruger, il Mala Mala e il Sabi Sand.

Perché è famoso il Sabi Sand?

Il motivo principale per cui questa zona è così famosa è la qualità eccezionale degli avvistamenti degli animali.
Una delle ragioni è che nel Sabi Sand i safari si possono fare soltanto a bordo dei veicoli dei lodge, accompagnati dai ranger, e ci sono norme che limitano il numero di veicoli che possono avvicinarsi ad uno stesso animale o gruppo di animali.
Il fatto che l’avvicinamento viene gestito da persone esperte che sanno come limitare il disturbo, fa sì che gli animali si comportano con la più totale naturalezza anche in presenza di veicoli.
Mentre nel parco Kruger è difficile che un leopardo circondato da turisti rimanga fermo nelle vicinanze, nel Sabi Sand capita che il leopardo venga addirittura a strusciarsi contro il veicolo.
Un’altra particolarità del territorio del Sabi Sand è che è attraversato da due fiumi, il Sabi e il Sand, la cui presenza attira gli animali.
Essendo inoltre un’area ben irrigata dalle piogge, la natura è più rigogliosa e verdeggiante rispetto alle zone aride del nord del Kruger, con paesaggi più fotogenici.
Ciascuna delle riserve del Sabi Sand ha il proprio lodge, e le strutture sono tutte di altissimo livello.

Quali animali si vedono nel Sabi Sand, e che tipo di safari si fanno?

Nel Sabi Sand si vedono i big five (elefante, leopardo, rinoceronte, bufalo e leone) ma anche ghepardi, ippopotami, gnu, zebra, giraffe, iene, licaoni e numerose specie di antilopi, oltre a innumerevoli uccelli.
I safari vengono fatti in genere su veicoli da sei posti disposti su tre file da due posti ciascuna, cosicché si è sempre affacciati al bordo del veicolo quindi sulla natura.
A differenza dei parchi nazionali, nelle riserve private come quelle del Sabi Sand i ranger possono abbandonare la strada per seguire tracce di animali o avvicinarsi ad una scena di caccia.

Qual è la migliore riserva privata nel Sabi Sand?

All’interno del Sabi Sand ci sono riserve con caratteristiche diverse che soddisfano gusti diversi: alcune riserve hanno un territorio più piccolo ma un lodge spettacolare dalle caratteristiche architettoniche uniche, altre hanno un lodge più tradizionale ma si estendono su un territorio vasto con paesaggi variegati. Alcune sono attraversate da lunghi tratti di fiume che offrono avvistamenti particolarmente interessanti.
Nell’organizzare un tour cerchiamo di capire quali sono le priorità del cliente, se per esempio sia indispensabile l’esperienza di un lodge di gran lusso, o se sia più importante la varietà dei paesaggi e degli avvistamenti di animali.
In fin dei conti però, indipendentemente dalla singola riserva, tutta la zona del Sabi Sabi è eccezionale dal punto di vista dei safari.

E’ meglio il Kruger o il Sabi Sand?

Sono due esperienze diverse.
Nel Kruger i safari si fanno nel proprio autoveicolo in totale indipendenza, senza essere accompagnati da un ranger. C’è la soddisfazione di poter avvistare da soli gli animali e di gestire il proprio itinerario.
Non si può però in alcun caso uscire dalle strade demarcate e, nel caso di avvistamenti particolarmente ambiti come per esempio di felini, ci si trova a volte a fare a gomitate con altri veicoli e talvolta anche pullman per riuscire ad avere uno scorcio.
Il Kruger è estremamente vasto e offre una grande varietà di paesaggi e vegetazione, ma con avvistamenti più diradati. Nel Sabi Sand, pur essendo alcune riserve molto grandi, il territorio è più limitato, ma a causa della presenza dei fiumi è molto densamente abitato dagli animali.
Negli itinerari che offriamo con La Mia Africa cerchiamo di valutare insieme al cliente il tipo di esperienza ricercata e, quando il budget lo permette, di unire all’esperienza del Kruger qualche giorno in una riserva privata.

Ci sono altre riserve private meno care della zona del Sabi Sand?

Sì, per i clienti alle prime esperienze che hanno un piccolo budget ma desiderano provare l’esperienza della riserva privata è possibile trovare opzioni più abbordabili in altre zone adiacenti al Kruger, per esempio più a nord del Sabi Sand ci sono riserve un po’ più piccole e meno esclusive che possono offrire esperienze appaganti.
Per i lodge del Sabi Sand i prezzi sono abbastanza cari, sui 500 – 700 Euro a persona a notte, mentre in riserve più piccole si può spendere di meno.
I prezzi per un viaggio che comprende anche Cape Town possono andare dai 1500 ai 2000 Euro se si va al Kruger o in una riserva privata entry-level, per arrivare a 3500 Euro e oltre se si scelgono riserve private di lusso.
L’importante per noi è vedere insieme al cliente quali sono le sue priorità, e nel caso delle riserve se sia la qualità dei safari, il livello dei lodge o il budget.
Ricordiamo che come agenti viaggio godiamo di tariffe preferenziali presso le strutture locali, e questi margini ci permettono di fare proposte di itinerari a prezzi non “gonfiati”, ma uguali a quelli che si otterrebbero prenotando di persona.

Contatta La Mia Africa per preventivi o informazioni sulle proposte viaggio

Argomenti correlati:
da Johannesburg al Kruger in auto
parco Chobe
deserto Africa del Sud